Non sono il Messia, lo giuro su Dio! Messianismo e modernità in Life of Brian dei Monty Python

Brian di Nazareth

Giordano Vintaloro

“Non sono il Messia, lo giuro su Dio!” – Messianismo e modernità in Life of Brian dei Monty Python

Battello stampatore, Trieste, 2008; 200 pagg.; ISBN: 9788887208443, € 15.

Il libro è in vendita solo su questo sito VAI AL NEGOZIO

 

Il libro affronta l’interpretazione della figura del Messia nel film Brian di Nazareth (Life of Brian) dei Monty Python, sei attori comici diventati famosi per le quattro serie del Monty Python’s Flying Circus, in onda sulla BBC dal 1969 al 1974, e per diversi film tra i quali Il senso della vita (The Meaning of Life), vincitore del Gran Premio della giuria a Cannes nel 1983.

Spesso liquidato come una farsa grottesca o una parodia della vita di Gesù, lo studio vuole dimostrare come Brian di Nazareth, analizzato puntualmente nei suoi temi e figure, sveli trame molto più complesse della solita etichetta di genere. Basandosi sui lavori di Genette sul palinsesto e di Compagnon sulla citazione, il libro individua una struttura scenica ricorrente basata su una precisa alternanza tra queste due tecniche. Ne viene fuori un film ricco di intertestualità, con rimandi al messianismo ebraico e ad altri film sulle figure cristologiche, e con notevoli particolarità anche nella traduzione-adattamento in italiano.

Il lavoro ha ricevuto il terzo premio a pari merito nel 2005 al prestigioso XXXI Premio Sacchi, assegnato dal Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani (SNGCI), organizzatore dei Nastri d’Argento.

Indice del volume:

1. Dalle origini dei Monty Python a Life of Brian
1. Un gruppo eterogeneo; 2. Monty Python’s Flying Circus: una nuova comicità in televisione; 3. Dalla televisione al cinema: i film dei Monty Python; 4. Life of Brian – Brian di Nazareth; 4.1 Un film completamente diverso; 4.2 Difficoltà vecchie e nuove; 4.3 I credit del film e la trama

2. Analisi del film: temi, figure e traduzione
1. I temi; 1.1 Gesù detto il Cristo e Brian detto Brian; 1.2 Giudei contro Romani; 1.3 Osservanza e disobbedienza; 1.4 Il sesso e il naso; 2. Le figure; 2.1 Il genere del film e le figure dominanti; 2.2 Il mondo in una parola; 2.3 La citazione ed il suo abbassamento; 3. La traduzione

3. Altri film e altri Messia
1. Il rigore: Il vangelo secondo Matteo; 2. I musical: Jesus Christ Superstar e Tommy; 3. I moderni: Cercasi Gesù e Jésus de Montréal; 4. L’attesa messianica tra Ebraismo e Cristianesimo

4. Conclusioni
1. Brian Messia controvoglia; 2. Brian Messia moderno: individualismo e comunità

Appendice 1 – Le serie del Monty Python’s Flying Circus

Appendice 2 – Due episodi del Monty Python’s Flying Circus

L'A(rche)tipico Brian O'Nolan. Comico e riso dalla tradizione al post-

Brian O’Nolan – Flann O’Brien

Giordano Vintaloro

L’A(rche)tipico Brian O’Nolan – Comico e riso dalla tradizione al post-

Battello stampatore, Trieste, 2009; 382 pagg., ISBN 9788887208506.

 

Il libro al momento è esaurito. Se volete ordinare una ristampa o chiedere informazioni scrivetemi direttamente a: giordano [at] vintaloro.it oppure utilizzate la linguetta Contattami! qui a destra

 

Lo studio affronta il problema delle molte identità dello scrittore irlandese Brian O’Nolan (1911-1966). Sotto lo pseudonimo di Flann O’Brien è stato autore dei romanzi Una pinta d’inchiostro irlandese (At Swim-Two-Birds) e Il terzo poliziotto (The Third Policeman). Come Myles na gCopaleen ha tenuto per 25 anni sull’Irish Times di Dublino la rubrica satirica “Cruiskeen Lawn” (Il boccale traboccante), in cui ha impersonato i vizi e le virtù dell’Irlanda e degli irlandesi.

Oltre alle due identità più note, O’Nolan ha utilizzato decine di altri pseudonimi per il suo giornalismo a metà tra verità e parodia, tra tradizione e innovazione. Contemporaneo di Joyce e Beckett, rimane ancora oggi uno scrittore difficilmente classificabile che è stato assimilato sia alla letteratura postmoderna che al modernismo. Uno scrittore affascinante, che questo studio colloca nella più ampia tradizione delle figure comiche sempre presenti nella storia del comico e del riso, addetti ufficiali all’irriverenza e a volte capri espiatori.

Dal nostro corrispondente a Londra_Karl Marx_nuova

Dal nostro corrispondente Karl Marx

Karl Marx

Dal nostro corrispondente a Londra. Karl Marx giornalista per la “New York Daily Tribune”

A cura di Giordano Vintaloro, Corpo60, Gorizia, 2014, 2016

ebook EPUB e MOBI (Kindle), ISBN 9788894058901, €9,99

Edizione cartacea, 238 pagine, ISBN 978-88-940589-7-0, €21

Edizione con testi originali inglesi a fronte / Includes original English texts

 

Forse non tutti sanno che Karl Marx era prima di tutto un giornalista e solo dopo un teorico dell’economia e degli studi sociali. E non ha mai abbandonato la sua professione, nemmeno negli anni più bui dell’esilio londinese. Dall’Inghilterra, Marx ha raccontato il mondo presentando agli Yankee fatti e opinioni che sono ancora oggi esempi di giornalismo, solo fatto con mezzi molto meno evoluti e connessi di oggi. I pezzi per la New York Daily Tribune hanno accompagnato per dieci anni i lettori newyorchesi attraverso le guerre e i movimenti dei capitali.

In questa raccolta inedita di articoli per il pubblico italiano, scritti tra il 1852 e il 1861, si vede il Marx degli stessi anni in cui elaborava Il Capitale, e nella lucida e ironica analisi del padre del marxismo ci forniscono una chiave di lettura sorprendentemente efficace del presente.

Consigli a un aspirante scrittore Virginia Woolf Bertinetti Vintaloro BUR

Consigli a un aspirante scrittore

Virginia Woolf

Consigli a un aspirante scrittore

A cura di Roberto Bertinetti. Traduzione di Giordano Vintaloro e Bianca Tarozzi, Milano, BUR, 2012.

Edizione cartacea, 264 pagine, ISBN 978-8817058315, €7,60

Disponibili ebook EPUB e MOBI (Kindle)

 

Dalle pagine dei diari, delle lettere e dei saggi di Virginia Woolf raccolte da Roberto Bertinetti – alcune tradotte per la prima volta – emerge una lettrice attenta e severa, ma anche una persona allegra e piena di vita. Virginia Woolf si definiva una donna snob, lontana da quell’immagine che le femministe e i gender studies hanno confezionato da tempo, ma anche una donna che invitava le sue contemporanee di ogni estrazione a ricavarsi uno spazio autonomo nelle loro case (la stanza tutta per sé) e nella società, convinta che le donne avessero nella scrittura la possibilità di emanciparsi e dimostrare il loro valore.

Elogio del dubbio

Peter Berger, Anton Zijderveld

Elogio del dubbio. Come avere convinzioni senza diventare fanatici.

Traduzione di Giordano Vintaloro, Il Mulino, Bologna, 2011, ISBN 9788815233110, p.160, €14

Disponibili anche ebook EPUB e MOBI

 

Il fanatismo spesso è la risposta all’incertezza di fronte a una pluralità di risposte morali che ci vengono dalle tante offerte religiose presenti. Ci sono molte risposte possibili di fronte a temi come aborto, bioetica, pena di morte, violenza, guerre e normali rapporti quotidiani.

Quella suggerita dai due autori è che il dubbio sia in realtà la condizione ideale per trovare risposte di buon senso a domande difficili, a patto di non rimanerne impantanati. Non si tratta quindi del dubbio del relativismo che ci rende incapaci di scegliere, ma di un dubbio virtuoso, positivo e a volte anche ironico. Che sia capace di non distruggere i valori e proteggerli dalla tentazione del fondamentalismo, senza instillare il sospetto verso chiunque la pensi diversamente. Un delicato esercizio di intelligenza e misura, alla ricerca di un equilibrio difficile ma tutt’altro che impossibile: coltivare le proprie convinzioni senza stringersi così tenacemente ad esse da diventare fanatici.

L’AUTORE: Peter Berger è professore emerito nella Boston University. Tra i suoi libri: “La realtà come costruzione sociale” (V ed. 1997) e “Lo smarrimento dell’uomo moderno” (2010), entrambi con T. Luckmann; “America religiosa, Europa laica?” (con G. Davie e E. Fokas, 2010). Anton Zijderveld, sociologo e filosofo, è docente nella Erasmus University di Rotterdam, dopo aver insegnato negli Stati Uniti e in Canada.

Contattami!